Aumento del Capitale Sociale | 2020

AUMENTO DEL CAPITALE SOCIALE

COMUNICAZIONE OFFERTA IN OPZIONE DI AZIONI DI NUOVA EMISSIONE

AI SENSI DELL’ART.2441, COMMA 2 DEL CODICE CIVILE

 

La società PerMicro S.p.A., con sede in Torino, via XX Settembre n.38, con capitale sociale di euro 5.407.646,30, codice fiscale e numero di iscrizione al registro delle imprese di Torino 09645130015, R.E.A.  TO-1069218,

in esecuzione della deliberazione di aumento del capitale sociale, verbalizzata con  atto a rogito del notaio Giuseppe Gianelli di Torino in data 10 giugno 2020, Rep. 144899 – Racc.43711, registrata a Torino 1 in data 16 giugno 2020  al n. 21600, debitamente iscritta presso il competente Registro delle Imprese di Torino

COMUNICA

  • che è stata depositata presso il competente Registro delle Imprese di Torino, ai sensi dell’art.2441 del Codice civile, l’offerta di azioni in opzione relativa alla sopracitata delibera di aumento di capitale sociale, per l’importo massimo di nominali euro 569.611,28, mediante emissione di numero 12.292 nuove azioni ordinarie del valore nominale di euro 46,34 cadauna, prezzo di emissione 128,00 per ogni nuova azione con un sovrapprezzo di euro 81,66 per azione;
  • che in particolare in data 29 giugno 2020 è stata pubblicata l’offerta di numero 12.292 nuove azioni ordinarie del valore nominale di euro 46,34 cadauna, oltre un sovrapprezzo di euro 81,66 per azione, che dovranno essere sottoscritte entro il 31 ottobre 2020;
  • che agli azionisti sono attribuiti 45 giorni dalla data di pubblicazione della presente offerta nel Registro delle Imprese per l’esercizio del diritto d’opzione, ovvero fino alla data del 12 agosto 2020;
  • le azioni dovranno essere interamente liberate tanto per il valore nominale che per il sovrapprezzo al momento della sottoscrizione;
  • le azioni verranno offerte agli azionisti in proporzione al numero di azioni rispettivamente possedute.

Nella citata deliberazione di aumento del capitale sociale è stato previsto:

  • di aumentare a pagamento il capitale sociale da euro 5.407.646,30 (cinquemilioniquattrocentosettemilaseicentoquarantasei virgola trenta) ad euro 5.977.257,58 (cinquemilioninovecentosettantasettemiladuecentocinquantasette virgola cinquantotto) e quindi per un importo massimo di euro 569.611,28 (cinquecentosesantanovemilaseicentoundici virgola ventotto) mediante emissione di numero 12.292 (dodicimiladuecentonovantadue) nuove azioni ordinarie da nominali euro 46,34 (quarantasei virgola trentaquattro) caduna.
  • Le emittende nuove azioni verranno offerte in opzione agli azionisti della società al prezzo di emissione di euro 128,00 (centoventotto virgola zero zero) per azione con un sovrapprezzo di euro 81,66 (ottantuno virgola sessantasei) per azione.
  • Le azioni dovranno essere integralmente liberate tanto per il nominale che per il sovrapprezzo al momento della sottoscrizione.
  • Le azioni verranno offerte in opzione agli azionisti in proporzione al numero di azioni rispettivamente possedute.
  • L’offerta di opzione dovrà essere pubblicata e resa nota dagli Amministratori con le modalità di cui all’art. 2441 2° comma C.C.. Il termine per l’esercizio del diritto di opzione sarà di 45 (quarantacinque) giorni dalla data di pubblicazione dell’offerta nel Registro delle Imprese.
  • Le azioni che risultassero inoptate potranno essere sottoscritte dagli azionisti che ne abbiano fatto contestuale richiesta al momento dell’esercizio del diritto di opzione.
  • Le azioni che residuassero comunque non sottoscritte dagli azionisti per mancato esercizio del diritto di opzione e/o prelazione potranno essere collocate alle medesime condizioni dal Presidente del Consiglio di Amministrazione e dall’Amministratore Delegato in via disgiunta a trattativa strettamente privata anche presso soggetti terzi investitori non persone fisiche richiedenti. Il collocamento dovrà concludersi entro il termine finale del 31 ottobre 2020.
  • Trattandosi di aumento scindibile, se l’aumento di capitale sopra deliberato non sarà stato integralmente sottoscritto entro il termine fissato ai sensi dell’art. 2439 2° comma C.C. del 31 ottobre 2020 il capitale sarà comunque aumentato di un importo pari alle sottoscrizioni che risulteranno raccolte alla predetta data.
  • Tutti i diritti relativi alle azioni di nuova emissione potranno essere esercitati dalla data della loro sottoscrizione anche in pendenza del termine del 31 ottobre 2020, fatta salva beninteso l’iscrizione della presente deliberazione ai sensi dell’art.2436 quinto comma c.c..
  • Di conferire al Presidente del Consiglio di Amministrazione ed all’Amministratore Delegato in via disgiunta ogni più ampio potere e facoltà per dare esecuzione all’aumento di capitale alle condizioni sopra deliberate ed espletare tutti i connessi adempimenti e le formalità ivi compresi l’emissione dei certificati azionari ed il deposito del testo aggiornato dello statuto sociale.

 

Torino, 29 giugno 2020                                                                                                                                      Andrea Limone

                                                                       Presidente del Consiglio di Amministrazione

Moratoria Covid-19 per credito ai consumatori

PerMicro ha deciso di aderire alla Moratoria Covid-19, promossa da Assofin per il credito ai consumatori e a fonte della quale, in presenza di determinate condizioni, è possibile richiedere fino al 30.06.2020 la temporanea sospensione delle rate.

CHI PUÒ RICHIEDERE LA SOSPENSIONE?
L’intestatario di Prestiti Famiglia, stipulati prima del 21 febbraio 2020 e che a tale data non abbiano ritardi di pagamento tali da comportare la necessità di qualificare le relative posizioni in default o forborne, ovvero per i quali non fosse intervenuta la decadenza dal beneficio del termine o la risoluzione del contratto stesso.

QUALI SONO I CASI IN CUI PUÒ ESSERE CHIESTA LA SOSPENSIONE
La sospensione può essere richiesta qualora, in conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da COVID-19, il cliente si trovi, a partire da una data successiva al 21 febbraio 2020 e sino alla data ultima del 30 giugno 2020, si trovino in una situazione di temporanea difficoltà economica dovuta a:

1.    Cessazione del rapporto di lavoro subordinato (ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di risoluzione per limiti di età con diritto a pensione di vecchiaia o di anzianità, di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, di dimissioni del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione);
2.    Cessazione dei rapporti di lavoro “atipici” di cui all’articolo 409, numero 3), del codice di procedura civile (ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione);
3.    Sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni (Cassa Integrazione o altri ammortizzatori sociali);
4.    I lavoratori autonomi e liberi professionisti che abbiano registrato in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, ovvero nel minor periodo intercorrente tra la data dell’istanza e la predetta data, una riduzione del fatturato superiore al 33% rispetto a quanto fatturato nell’ultimo trimestre 2019 in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività, operata in attuazione delle disposizioni adottate dall’autorità competente per l’emergenza Corona virus. Tale riduzione dovrà essere autocertificata con le modalità previste dalla legge.

RICHIESTA E DURATA
La sospensione deve essere espressamente richiesta dai possibili beneficiari e concessa dagli intermediari una volta verificata la presenza di una delle condizioni sopra esposte e individuate. La sospensione può avere durata fino a sei mesi; in accordo col cliente possono essere previste durate inferiori.

CARATTERISTICHE DELLA SOSPENSIONE
La sospensione riguarda il pagamento dell’intera rata mensile del finanziamento per una durata fino a 6 mesi.
PerMicro provvederà a comunicare al cliente il nuovo piano di ammortamento prolungato comprensivo della quota interessi relativa al periodo della sospensione, calcolata al tasso contrattuale. Tale piano mette in evidenza i futuri pagamenti (che comprenderanno le somme relative agli interessi dovuti in tale periodo) e le relative scadenze – a partire dalla prima rata dovuta al termine del periodo di sospensione – e comprende le rate aggiuntive.
Gli interessi maturati dovranno essere rimborsati dopo il periodo di sospensione, secondo la seguente modalità:
a partire dal pagamento della prima rata in scadenza. Gli interessi maturati saranno suddivisi in quote di pari importo e in numero uguale alle rate residue del finanziamento. Ogni quota interessi sarà quindi aggiunta all’importo della rata prevista dal contratto originario.
La sospensione comporta dunque un prolungamento del periodo di ammortamento corrispondente alla sospensione concordata (c.d. slittamento). Al cliente non verranno addebitati oneri o costi relativi all’espletamento delle procedure necessarie per l’attivazione della sospensione.

COME POSSO RICHIEDERE LA SOSPENSIONE
Per avere maggiori informazioni su come procedere con la richiesta di sospensione prevista dalla Moratoria Covid-19 promossa da Assofin alla quale PerMicro aderisce, o per valutare eventuali alternative per soddisfare al meglio le tue esigenze contattaci entro il 30.06.2020 al numero 011658778.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il testo completo della moratoria ASSOFIN:
Moratoria COVID19 Credito ai Consumatori


FAQ

I decreti governativi prevedono misure di sospensione per il credito ai consumatori?
No, PerMicro tuttavia, laddove possibile, adotta iniziative spontanee per aiutare i suoi clienti privati in bonis ad affrontare questo momento critico.

Come è possibile indirizzare ad PerMicro una richiesta di supporto?
Utilizzando il form disponibile o chiamando il numero dedicato 011658778.

Chi può presentare richiesta di supporto?
Il titolare della pratica per la quale si richiede assistenza. In caso di decesso del titolare di finanziamento non assistito da polizza di protezione del credito che prevedeva il pagamento di un indennizzo pari al capitale residuo, la richiesta potrà essere presentata dagli eredi in possesso dei requisiti richiesti.

Come è possibile sapere se la domanda è accolta o meno?
Riceverà una comunicazione con l’esito della richiesta. In caso di accettazione la comunicazione riporterà tutti i dettagli del caso.

Quali sono i tempi di riscontro?
PerMicro si impegna a rispondere tempestivamente ad ogni richiesta di supporto. Chiediamo di essere comprensivi e ci scusiamo se durante questo periodo di emergenza i nostri tempi di risposta dovessero essere più lunghi del solito.

Entro quando posso avanzare una richiesta di sospensione/supporto?
Entro il 30 giugno 2020.