Banca Etica, Caritas e PerMicro: insieme per rispondere ai bisogni dei più fragili

Martedì 13 ottobre la presidente di Banca EticaAnna Fasano, il direttore di Caritas Italianadon Francesco Soddu hanno siglato a Roma un nuovo accordo quadro che rafforza le sinergie tra le due realtà e che punta all’inclusione finanziaria come essenziale elemento di inclusione sociale per dare risposte ai bisogni delle persone più fragili. Presente anche Benigno Imbriano, amministratore delegato di PerMicro, che metterà a disposizione la propria esperienza nel campo della microfinanza.

«Banca Etica e Caritas Italiana abbracciano le indicazioni contenute nelle encicliche di Papa Francesco e condividono l’importanza di riportare l’etica al centro dell’attività economica e finanziaria. Il nostro obiettivo è quello di facilitare uno sviluppo umano integrale e di favorire, attraverso gli strumenti di raccolta del risparmio e del credito, l’autonomia e la responsabilità delle persone, nella realizzazione dei propri progetti, a partire dalle fasce più deboli, spesso considerate non bancabili. Crediamo che l’inclusione finanziaria sia uno strumento potente di inclusione sociale», ricorda Anna Fasano.

«Caritas Italiana e Banca Etica lavorano sui territori, secondo un principio di sussidiarietà. La forza della nuova intesa sta proprio nella conoscenza, propria delle Caritas Diocesane, dei territori e delle necessità di persone, famiglie e realtà attive nelle comunità locali a servizio dei più poveri ed esclusi anche dall’accesso al credito. Un piccolo segno di nuova speranza in questo momento di emergenza per tante persone e anche un piccolo contributo – come papa Francesco ha evidenziato nella Laudato si’ e ribadito in Fratelli tutti – per lo sviluppo di una nuova economia più attenta ai principi etici», ha aggiunto don Francesco Soddu.

«Da 13 anni PerMicro si rivolge a persone escluse dai tradizionali canali bancari e dà fiducia ai loro progetti familiari e lavorativi, attraverso la concessione di microcrediti e servizi di accompagnamento e mentoring. Grazie a questo accordo con Banca Etica e Caritas Italiana, PerMicro potrà raggiungere in maniera ancora più capillare territori e persone e dare compimento alla propria mission di inclusione sociale attraverso l’inclusione finanziaria. In momenti come quelli attuali, caratterizzati da grande difficoltà economica e sociale, con questo accordo vogliamo rafforzare il nostro desiderio di rimettere al centro della nostra attività le persone e le loro condizioni di vita», così afferma Benigno Imbriano, Amministratore Delegato di PerMicro.

Ecco i primi strumenti definiti da Banca Etica e Caritas Italiana per rafforzare una collaborazione che dura da oltre 20 anni:

  • Banca Etica promuove e sostiene iniziative di educazione finanziaria e strumenti finanziari per il contrasto alla povertà, all’esclusione finanziaria e all’empowerment delle persone.
  • In particolare attraverso la collaborazione con il proprio partner PerMicro, una tra le più importanti società di microcredito in Italia che opera su tutto il territorio nazionale, verranno studiate specifiche azioni per l’accesso al credito delle persone e delle piccole imprese familiari.
  • Caritas e Banca Etica collaboreranno in campagne di sensibilizzazione, raccolta fondi , anche in situazioni di emergenze umanitarie nazionali o internazionali.
  • Banca Etica mette a disposizione di tutte le Diocesi, Caritas Diocesane, e realtà loro collegate, ai relativi dipendenti e collaboratori, strumenti specifici per far fronte alle esigenze di natura finanziaria a condizioni di maggior favore.
La microfinanza per l’inclusione finanziaria e sociale
L’inclusione finanziaria come essenziale elemento di inclusione sociale è al centro del nuovo accordo tra Caritas, Banca Etica e PerMicro. Un accordo che, con un plafond di 5 milioni di euro, grazie al coinvolgimento di PerMicro, punta sulla microfinanza per realizzare interventi di educazione e inclusione finanziaria.
I beneficiari saranno individuati dalle Caritas Diocesane che aderiscono all’iniziativa e potranno ricevere:
  • finanziamenti alle persone fisiche per esigenze familiari da 3.000 a 15.000 euro;
  • finanziamenti alle iniziative di autoimpiego e alle microimprese a partire da 5.000 a 25.000 euro fino a 72 mesi di durata;
  • percorsi di formazione finanziaria di base per operatori e volontari Caritas;
  • accompagnamento e mentoring dei beneficiari dei prestiti.

PerMicro, in Friulia nuovo slancio al microcredito

I principali attori del settore finanziario, bancario ed economico del Friuli Venezia Giulia uniscono le forze per sostenere il microcredito, uno strumento fondamentale per far ripartire i lavoratori autonomi, le micro e piccole imprese che in Italia rappresentano più del 95% delle aziende sul territorio nazionale.

Per raggiungere questo obiettivo Friulia, Cassa Centrale Banca, Confidi Venezia Giulia, Confartigianato Fvg e Confartigianato Imprese Udine hanno investito 1 milione di euro per l’aumento di capitale in PerMicro, il principale operatore di microcredito in Italia. L’operazione è stata definita tramite la costituzione di Servizi e Finanza Fvg, società veicolo appositamente creata in cui tutti i soci promotori del progetto hanno acquisito una quota di capitale.

Con questa operazione il Friuli Venezia Giulia stringe un’alleanza strategica con PerMicro per lo sviluppo del microcredito nella regione che ancora mancava di un operatore di rilievo nel settore. Servizi e Finanza ha designato anche un consigliere di amministrazione nel Cda di PerMicro che è stato già nominato nella recente assemblea nella persona di Stefano Milanese, Direttore Investimenti di Friulia.

Continua a leggere l’articolo di Il Friuli.it

10 anni di Impatto Sociale: PerMicro

Scoprire l’impatto della nostra attività piace prima di tutto a noi, ma soprattutto ai nostri stakeholder.

Per questo motivo anche nell’ultimo biennio abbiamo continuato a collaborare con il Centro Tiresia del Politecnico di Milano per pubblicare una nuova ricerca sul nostro impatto sociale: l’ultima edizione sarà comprensiva dell’impatto calcolato su un arco temporale lungo 10 anni, dal 2009 al 2018.

Martedì 28 luglio h 17.00 si terrà un webinar di presentazione dei risultati della ricerca a cui siamo felici di invitarvi.

Per partecipare al webinar, sarà sufficiente collegarsi all’appuntamento cliccando su questo link:

Collegati a questo link il giorno e l’ora previsti per l’evento.

Meeting ID: 912 3389 6561
Passcode: 423792

 

Scopri i relatori!

Mario Calderini

PhD in Economia presso l’Università di Manchester, è professore ordinario presso la School of Management del Politecnico di Milano, dove insegna Social Innovation.

È direttore di Tiresia, il Centro di ricerca sulla finanza e l’innovazione sociale della School of Management del Politecnico di Milano. È stato direttore dell’Alta Scuola Politecnica e vicepresidente della Fondazione Politecnico. È stato consigliere scientifico del Ministro della ricerca e dell’innovazione e nominato Sherpa del Governo per il G7 Scienza. Le sue numerose pubblicazioni su prestigiose riviste internazionali  trattano diversi temi nel campo dell’innovazione e della finanza a impatto sociale. È stato membro della Task Force del G8 per l’Impatto sociale, ha presieduto l’Advisory Board italiano per la Social Impact Finance ed è Presidente del Comitato Scientifico dell’Agenda di Impatto Sociale per l’Associazione Italia (NAB Italia). Ha contribuito a promuovere l’agenda per l’innovazione sociale in Italia, avviando la prima consultazione pubblica del settore. Ha fatto parte del gruppo consultivo del Governo che ha recentemente redatto la Riforma del Terzo Settore e successivamente è stato membro della Task Force del Governo per gli investimenti a impatto sociale.

E’ attualmente  Presidente del Foro per la Ricerca e l’Innovazione di Regione Lombardia. Siede nell’Advisory Board di Unicredit Italia. E’ Presidente di Social Fare e fa parte del consiglio direttivo di Nesta Italia.

Veronica Chiodo, PhD in Ingegneria Gestionale al Politecnico di Milano. La sua attività di ricerca è focalizzata sui fabbisogni finanziari delle imprese sociali, con particolare riferimento alla fase di crescita dell’organizzazione. Ha svolto un periodo di visiting presso la Middlesex University di Londra e il Centro per gli investimenti ad impatto sociale dell’Università di Heidelberg. É project manager dell’Osservatorio TIRESIA sulla Finanza ad Impatto Sociale della School of Management del Politecnico di Milano. Ha preso parte ai lavori della Taskforce del G8 sugli investimenti ad impatto sociale in qualità di staff di supporto e membro del gruppo di lavoro sulla misurazione dell’impatto sociale. Ha lavorato come consulente per venture capitalist, banche e organizzazioni di microfinanza per sviluppare un sistema di misurazione in grado di valutare le prestazioni di impatto sociale delle imprese sociali nella fase di screening, due diligence e monitoraggio.

Gabriele Guzzetti è ricercatore presso TIRESIA, centro di ricerca internazionale della School of Management del Politecnico di Milano. Si è laureato in Management Engineering al Politecnico di Milano, con una tesi di laurea in valutazione dell’impatto sociale. La sua attività di ricerca si concentra principalmente sull’innovazione sociale e sulla misurazione dell’impatto sociale di programmi e organizzazioni che lavorano nel campo della povertà educativa, dell’impact finance e della microfinanza.

Aumento del Capitale Sociale | 2020

AUMENTO DEL CAPITALE SOCIALE

COMUNICAZIONE OFFERTA IN OPZIONE DI AZIONI DI NUOVA EMISSIONE

AI SENSI DELL’ART.2441, COMMA 2 DEL CODICE CIVILE

 

La società PerMicro S.p.A., con sede in Torino, via XX Settembre n.38, con capitale sociale di euro 5.407.646,30, codice fiscale e numero di iscrizione al registro delle imprese di Torino 09645130015, R.E.A.  TO-1069218,

in esecuzione della deliberazione di aumento del capitale sociale, verbalizzata con  atto a rogito del notaio Giuseppe Gianelli di Torino in data 10 giugno 2020, Rep. 144899 – Racc.43711, registrata a Torino 1 in data 16 giugno 2020  al n. 21600, debitamente iscritta presso il competente Registro delle Imprese di Torino

COMUNICA

  • che è stata depositata presso il competente Registro delle Imprese di Torino, ai sensi dell’art.2441 del Codice civile, l’offerta di azioni in opzione relativa alla sopracitata delibera di aumento di capitale sociale, per l’importo massimo di nominali euro 569.611,28, mediante emissione di numero 12.292 nuove azioni ordinarie del valore nominale di euro 46,34 cadauna, prezzo di emissione 128,00 per ogni nuova azione con un sovrapprezzo di euro 81,66 per azione;
  • che in particolare in data 29 giugno 2020 è stata pubblicata l’offerta di numero 12.292 nuove azioni ordinarie del valore nominale di euro 46,34 cadauna, oltre un sovrapprezzo di euro 81,66 per azione, che dovranno essere sottoscritte entro il 31 ottobre 2020;
  • che agli azionisti sono attribuiti 45 giorni dalla data di pubblicazione della presente offerta nel Registro delle Imprese per l’esercizio del diritto d’opzione, ovvero fino alla data del 12 agosto 2020;
  • le azioni dovranno essere interamente liberate tanto per il valore nominale che per il sovrapprezzo al momento della sottoscrizione;
  • le azioni verranno offerte agli azionisti in proporzione al numero di azioni rispettivamente possedute.

Nella citata deliberazione di aumento del capitale sociale è stato previsto:

  • di aumentare a pagamento il capitale sociale da euro 5.407.646,30 (cinquemilioniquattrocentosettemilaseicentoquarantasei virgola trenta) ad euro 5.977.257,58 (cinquemilioninovecentosettantasettemiladuecentocinquantasette virgola cinquantotto) e quindi per un importo massimo di euro 569.611,28 (cinquecentosesantanovemilaseicentoundici virgola ventotto) mediante emissione di numero 12.292 (dodicimiladuecentonovantadue) nuove azioni ordinarie da nominali euro 46,34 (quarantasei virgola trentaquattro) caduna.
  • Le emittende nuove azioni verranno offerte in opzione agli azionisti della società al prezzo di emissione di euro 128,00 (centoventotto virgola zero zero) per azione con un sovrapprezzo di euro 81,66 (ottantuno virgola sessantasei) per azione.
  • Le azioni dovranno essere integralmente liberate tanto per il nominale che per il sovrapprezzo al momento della sottoscrizione.
  • Le azioni verranno offerte in opzione agli azionisti in proporzione al numero di azioni rispettivamente possedute.
  • L’offerta di opzione dovrà essere pubblicata e resa nota dagli Amministratori con le modalità di cui all’art. 2441 2° comma C.C.. Il termine per l’esercizio del diritto di opzione sarà di 45 (quarantacinque) giorni dalla data di pubblicazione dell’offerta nel Registro delle Imprese.
  • Le azioni che risultassero inoptate potranno essere sottoscritte dagli azionisti che ne abbiano fatto contestuale richiesta al momento dell’esercizio del diritto di opzione.
  • Le azioni che residuassero comunque non sottoscritte dagli azionisti per mancato esercizio del diritto di opzione e/o prelazione potranno essere collocate alle medesime condizioni dal Presidente del Consiglio di Amministrazione e dall’Amministratore Delegato in via disgiunta a trattativa strettamente privata anche presso soggetti terzi investitori non persone fisiche richiedenti. Il collocamento dovrà concludersi entro il termine finale del 31 ottobre 2020.
  • Trattandosi di aumento scindibile, se l’aumento di capitale sopra deliberato non sarà stato integralmente sottoscritto entro il termine fissato ai sensi dell’art. 2439 2° comma C.C. del 31 ottobre 2020 il capitale sarà comunque aumentato di un importo pari alle sottoscrizioni che risulteranno raccolte alla predetta data.
  • Tutti i diritti relativi alle azioni di nuova emissione potranno essere esercitati dalla data della loro sottoscrizione anche in pendenza del termine del 31 ottobre 2020, fatta salva beninteso l’iscrizione della presente deliberazione ai sensi dell’art.2436 quinto comma c.c..
  • Di conferire al Presidente del Consiglio di Amministrazione ed all’Amministratore Delegato in via disgiunta ogni più ampio potere e facoltà per dare esecuzione all’aumento di capitale alle condizioni sopra deliberate ed espletare tutti i connessi adempimenti e le formalità ivi compresi l’emissione dei certificati azionari ed il deposito del testo aggiornato dello statuto sociale.

 

Torino, 29 giugno 2020                                                                                                                                      Andrea Limone

                                                                       Presidente del Consiglio di Amministrazione

Moratoria Covid-19 per credito ai consumatori

PerMicro ha deciso di aderire alla Moratoria Covid-19, promossa da Assofin per il credito ai consumatori e a fonte della quale, in presenza di determinate condizioni, è possibile richiedere fino al 30.09.2020 la temporanea sospensione delle rate.

CHI PUÒ RICHIEDERE LA SOSPENSIONE?
L’intestatario di Prestiti Famiglia, stipulati prima del 21 febbraio 2020 e che a tale data non abbiano ritardi di pagamento tali da comportare la necessità di qualificare le relative posizioni in default o forborne, ovvero per i quali non fosse intervenuta la decadenza dal beneficio del termine o la risoluzione del contratto stesso.

QUALI SONO I CASI IN CUI PUÒ ESSERE CHIESTA LA SOSPENSIONE
La sospensione può essere richiesta qualora, in conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da COVID-19, il cliente si trovi, a partire da una data successiva al 21 febbraio 2020 e sino alla data ultima del 30 settembre 2020, si trovino in una situazione di temporanea difficoltà economica dovuta a:

1.    Cessazione del rapporto di lavoro subordinato (ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di risoluzione per limiti di età con diritto a pensione di vecchiaia o di anzianità, di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, di dimissioni del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione);
2.    Cessazione dei rapporti di lavoro “atipici” di cui all’articolo 409, numero 3), del codice di procedura civile (ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione);
3.    Sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni (Cassa Integrazione o altri ammortizzatori sociali);
4.    I lavoratori autonomi e liberi professionisti che abbiano registrato in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, ovvero nel minor periodo intercorrente tra la data dell’istanza e la predetta data, una riduzione del fatturato superiore al 33% rispetto a quanto fatturato nell’ultimo trimestre 2019 in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività, operata in attuazione delle disposizioni adottate dall’autorità competente per l’emergenza Corona virus. Tale riduzione dovrà essere autocertificata con le modalità previste dalla legge.

RICHIESTA E DURATA
La sospensione deve essere espressamente richiesta dai possibili beneficiari e concessa dagli intermediari una volta verificata la presenza di una delle condizioni sopra esposte e individuate. La sospensione può avere durata fino a sei mesi; in accordo col cliente possono essere previste durate inferiori.

CARATTERISTICHE DELLA SOSPENSIONE
La sospensione riguarda il pagamento dell’intera rata mensile del finanziamento per una durata fino a 6 mesi.
PerMicro provvederà a comunicare al cliente il nuovo piano di ammortamento prolungato comprensivo della quota interessi relativa al periodo della sospensione, calcolata al tasso contrattuale. Tale piano mette in evidenza i futuri pagamenti (che comprenderanno le somme relative agli interessi dovuti in tale periodo) e le relative scadenze – a partire dalla prima rata dovuta al termine del periodo di sospensione – e comprende le rate aggiuntive.
Gli interessi maturati dovranno essere rimborsati dopo il periodo di sospensione, secondo la seguente modalità:
a partire dal pagamento della prima rata in scadenza. Gli interessi maturati saranno suddivisi in quote di pari importo e in numero uguale alle rate residue del finanziamento. Ogni quota interessi sarà quindi aggiunta all’importo della rata prevista dal contratto originario.
La sospensione comporta dunque un prolungamento del periodo di ammortamento corrispondente alla sospensione concordata (c.d. slittamento). Al cliente non verranno addebitati oneri o costi relativi all’espletamento delle procedure necessarie per l’attivazione della sospensione.

COME POSSO RICHIEDERE LA SOSPENSIONE
Per avere maggiori informazioni su come procedere con la richiesta di sospensione prevista dalla Moratoria Covid-19 promossa da Assofin alla quale PerMicro aderisce, o per valutare eventuali alternative per soddisfare al meglio le tue esigenze contattaci entro il 30.09.2020 al numero 011658778.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il testo completo della moratoria ASSOFIN:
Moratoria COVID19 Credito ai Consumatori


FAQ

I decreti governativi prevedono misure di sospensione per il credito ai consumatori?
No, PerMicro tuttavia, laddove possibile, adotta iniziative spontanee per aiutare i suoi clienti privati in bonis ad affrontare questo momento critico.

Come è possibile indirizzare ad PerMicro una richiesta di supporto?
Utilizzando il form disponibile o chiamando il numero dedicato 011658778.

Chi può presentare richiesta di supporto?
Il titolare della pratica per la quale si richiede assistenza. In caso di decesso del titolare di finanziamento non assistito da polizza di protezione del credito che prevedeva il pagamento di un indennizzo pari al capitale residuo, la richiesta potrà essere presentata dagli eredi in possesso dei requisiti richiesti.

Come è possibile sapere se la domanda è accolta o meno?
Riceverà una comunicazione con l’esito della richiesta. In caso di accettazione la comunicazione riporterà tutti i dettagli del caso.

Quali sono i tempi di riscontro?
PerMicro si impegna a rispondere tempestivamente ad ogni richiesta di supporto. Chiediamo di essere comprensivi e ci scusiamo se durante questo periodo di emergenza i nostri tempi di risposta dovessero essere più lunghi del solito.

Entro quando posso avanzare una richiesta di sospensione/supporto?
Entro il 30 settembre 2020.

Partita AttIVA: scopri come accedere

Previa valutazione di ogni singolo caso, Fondazione Welfare garantisce presso PerMicro l’accesso al credito per rendere possibile l’erogazione di un prestito agevolato fino a un importo massimo di 15.000 euro, affianca con attività di mentoring per contribuire al superamento delle difficoltà economiche.

A chi è rivolto?

Freelance, liberi professionisti e lavoratori autonomi (senza dipendenti) titolari di P.IVA, residenti o operanti nella Città Metropolitana di Milano.

Con quale scopo?

Sostenere gli investimenti materiali e immateriali di chi vuole avviare o sviluppare la propria attività professionale: attrezzatura, licenze, certificazioni professionali, formazione …

Come è possibile informarsi ?

Per candidarsi è possibile:

Scarica la scheda operativa!

Nasce “Partita AttIVA”: un’opportunità per liberi professionisti e autonomi

Comunicato Stampa

Nasce “Partita AttIVA”, una nuova opportunità per liberi professionisti e lavoratori autonomi  

Milano 21 aprile 2020 – Nella città Metropolitana di Milano sono sempre più numerosi i professionisti e i lavoratori indipendenti che lavorano con la partita IVA. È un fenomeno ormai consolidato e in crescita che il Ministero dell’Economia e della Finanza lo scorso 10 settembre aveva fotografato in modo puntuale: era stata registrata l’apertura di 136.323 nuove partite IVA, con un aumento del 3,9 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e la maggior parte delle nuove aperture risultava effettuato proprio al Nord ad opera di persone fisiche.

La popolazione che lavora con la partita IVA è quanto mai eterogenea, sono persone di ogni fascia di età, che svolgono attività in quasi tutti i settori di mercato. Sono i cosiddetti free lance – giornalisti, fotografi, grafici, designer, architetti, artisti – ma sono anche sviluppatori software, idraulici, giardinieri, professionisti che prestano i loro servizi in campo sanitario, nel mondo dell’Istruzione, nei centri che si occupano di attività sportive o ricreative, nell’edilizia. È una popolazione molto poliedrica che tuttavia condivide una sfida, quella di dover affrontare un mercato mai come in questo momento difficile. Oggi per ripartire e avere buone prospettive di successo, bisogna ridefinire il proprio profilo professionale e la propria attività e soprattutto bisogna saper fare la differenza.

Per aiutare i liberi professionisti e i lavoratori indipendenti ad affrontare questa sfida, che si gioca sia nel campo delle competenze sia in quello delle tecnologie e degli strumenti necessari, la Fondazione Welfare ha ideato e definito una nuova proposta che ha chiamato Partita AttIVA.

L’obiettivo e facilitare l’aggiornamento professionale e sostenere gli investimenti materiali e immateriali di chi vuole avviare o sviluppare la propria attività. Dunque, formazione e aggiornamento professionale, corsi di specializzazione e certificazioni, ma anche attrezzature, macchinari, tecnologie informatiche avanzate.

La Fondazione Welfare valuterà il progetto di ogni libero professionista e lavoratore indipendente e, accertata la validità e la solidità della proposta, garantirà l’accesso al credito presso PerMicro per rendere possibile l’erogazione di un prestito agevolato fino a un importo massimo di 15.000 euro. La Fondazione affiancherà anche il candidato con attività di mentoring per assicurare che tutti gli sforzi vadano a buon fine.

Partita AttIVA è il risultato di uno sforzo congiunto di Fondazione Welfare e PerMicro.


Dichiarazioni

L’idea di proporre questo nuovo strumento è nata prima che il Coronavirus mettesse a soqquadro le nostre vite ma ora più che mai siamo certi che Partita AttIVA rappresenta un’opportunità importante che si aggiunge alle altre misure adottate dalle Istituzioni, come il recente Decreto Liquidità. Questa nostra proposta vuole essere una risposta concreta e personalizzabile per le esigenze di una popolazione sempre più vasta di lavoratori che desidera tornare in campo, capitalizzando sulle proprie competenze e capacità. Per la Fondazione è il rafforzamento di un impegno e la conferma di una missione, che è quella di facilitare la ripartenza di una fascia sempre più ampia di cittadini”, dichiara Romano Guerinoni, Direttore Generale della Fondazione Welfare.

“Grazie al progetto Partita AttIVA– afferma Benigno Imbriano, AD di PerMicro – riusciremo a servire una fascia di lavoratori nuova: quella degli autonomi e delle partite IVA. Questi profili di imprenditori hanno un crescente bisogno di inclusione finanziaria: il nostro microcredito, garantito da FWA, risponderà a queste esigenze, per sostenere la crescita di progetti d’impresa e lo sviluppo del territorio lombardo.”

Il progetto Partita AttIVA promosso da FWA è un’ottima iniziativa che dà finalmente sostegno a figure professionali emergenti troppo spesso trascurate. Persone che, in molti casi colpite dalle crisi precedenti, si impegnano per costruirsi un nuovo futuro lavorativo e professionale”, hanno dichiarato i Segretari Generali di CGIL,CISL e UIL Milano Massimo Bonini, Carlo Gerla, Danilo Margaritella e i Segretari Generali di Nidil CGIL, di Vivace CISL, UilTemp UIL, Claudia Di Stefano, Matteo Parmigiani, Marco Fraoni.”Questa iniziativa dimostra una volta di più la lungimiranza dei soci fondatori di FWA, che hanno creduto nell’importanza di creare rete per fronteggiare i periodi di difficoltà”.

“Questa misura punta alla crescita, professionale e tecnica, di lavoratori e lavoratrici in Partita Iva, duramente colpite dalla crisi Covid 19”, commenta l’Assessora alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani che prosegue: “Come Amministrazione siamo conviti che i molti lavoratori autonomi della nostra città rappresentino una riserva fondamentale di creatività e innovazione che fa la differenza in particolare in momenti, come questo, di necessaria trasformazione. Se sarà inevitabile per molti ripensare il proprio lavoro e i propri obbiettivi, Partita AttIVA vuole provare a dare fiato a questo sforzo, aiutando gli investimenti per la formazione, l’innovazione organizzativa, la strumentazione tecnologica”.

Con questa nuova iniziativa, rivolta alle partite IVA – dichiara Massimo Ferlini, Consigliere FWA della CCIAA di Milano Monza-Briana e Lodi la Fondazione Welfare Ambrosiano si conferma un importante strumento per gli interventi economici a sostegno delle difficoltà che lavoratori e famiglie stanno incontrando. La Camera di Commercio di Milano, Monza-Brianza e Lodi ritiene fondamentale che si sviluppino strumenti di sostegno per poter riprendere i percorsi di crescita economica e poter sostenere tutte le iniziative imprenditoriali dopo la fase di grande difficoltà che stiamo attraversando.”

 

Per aver maggiori informazioni su Partita AttIVA basterà contattare la Fondazione Welfare, tutti i dettagli sono presenti nel sito https://www.fwamilano.org/servizi/partita-attiva/

 

La Fondazione Welfare Ambrosiano

Attiva dal 2011, la Fondazione Welfare è un ente no profit che promuove iniziative a favore di persone in difficoltà economica che risiedono o che svolgono attività lavorativa/professionale nella Città Metropolitana di Milano e per i quali non esistono forme di protezione pubblica o privata già in essere. Tra le opportunità proposte: il Credito Solidale Sociale, il Mentoring per l’avvio di impresa e microcredito, Welfare pensioni, Agenzia Sociale per la locazione Milano Abitare.

Per saperne di più  https://www.fwamilano.org/

 

SCOPRI COME ACCEDERE

Emergenza Covid-19: iniziative e informazioni a supporto dei clienti

PerMicro dal 2007 è al servizio di persone escluse dai tradizionali canali del credito per insufficiente storia creditizia o precaria posizione lavorativa. Oggi – in particolar modo – ci sentiamo chiamati a contrastare l’emergenza in corso attraverso gli strumenti a nostra disposizione.

Il Covid-19, infatti, non si limita a costituire un’emergenza sanitaria, bensì rappresenta un’emergenza sociale ben più ampia: rischi di nuove povertà e incertezze nella ripartenza del sistema Italia.

PerMicro viene a contatto soprattutto con famiglie in difficoltà temporanea e piccole attività imprenditoriali di diversi settori, dal piccolo commercio alla ristorazione, l’artigianato, servizi alla persona, freelance e molti altri.

Abbiamo varato misure e interventi straordinari in risposta ai bisogni dei più vulnerabili. Un insieme di strumenti per sostenere le famiglie e le imprese che ora si trovano ad affrontare questa emergenza.

  • Le nostre filiali sul territorio, per tutta la durata dell’emergenza, sono rimaste e rimarranno aperte, seppur con personale ridotto in ottemperanza alle misure di sicurezza a tutela della salute dei nostri clienti e dei dipendenti. Scopri dove siamo e come contattare le nostre filiali.
  • Abbiamo potenziato il nostro Centro Servizi per renderlo operativo tutti i giorni h 9-18: potete mettervi in contatto al telefono (011658778 / 800135953) oppure via e-mail (servizi@permicro.it).
  • In ottemperanza al DPCM del 17 marzo 2020 (Misure di sostegno finanziario alle micro, piccole e  medie  imprese colpite dall’epidemia di COVID-19), su richiesta dei nostri clienti il pagamento delle rate dei finanziamenti alle IMPRESE sarà sospeso sino al 30 settembre 2020 e il relativo piano di rimborso sarà dilazionato.
    Per fare richiesta, scarica questo modulo, compilalo e invialo insieme a un tuo documento di identità all’e-mail servizi@permicro.it.
  • Mettiamo a disposizione dei nostri clienti IMPRESA una rinegoziazione del loro finanziamento con concessione di nuova liquidità o la possibilità di accedere ad un nuovo finanziamento di importo massimo di 25.000 euro, nel quadro delle regole stabilite dal DPCM dell’8 aprile 2020 (Decreto Liquidità) e con la garanzia del Fondo di Garanzia del Medio Credito Centrale.
    Foglio informativo disponibile qui.

PerMicro ha inoltre deciso di aderire alla Moratoria Covid-19, promossa da Assofin per il credito ai consumatori e a fronte della quale, in presenza di determinate condizioni, è possibile richiedere fino al 30.09.2020 la temporanea sospensione delle rate: clicca qui per maggiori dettagli.


FAQ

Consulta le risposte del Ministero dell’Economia e delle Finanze alle domande più frequenti sui provvedimenti economici previsti dal Governo per contrastare l’emergenza causata dall’epidemia COVID-19.

Vai al sito del MEF

 

CONSULTA I TESTI INTEGRALI 

Accordo Confesercenti, ATS e PerMicro: credito alle imprese

Comunicato Stampa

CREDITO: ACCORDO CONFESERCENTI, ATS E PERMICRO PER FAVORIRE L’ACCESSO AI FINANZIAMENTI DELLE IMPRESE

Finanziamenti rapidi ed agevolati per sostenere le imprese in una fase di difficoltà. Confesercenti, ATS Servizi e PerMicro, leader del settore del microcredito italiano, siglano una convenzione per rendere più veloce e facile l’accesso al credito garantito delle MPMI.

L’intesa prevede, a fronte del rilascio della garanzia del Fondo di Garanzia per le PMI curata da ATS, la concessione da parte di PerMicro alle imprese aderenti a Confesercenti di finanziamenti ed affidamenti fino a 25.000 euro, fino a 120 mesi a tasso fisso, per consolidamento passività, investimenti materiali ed immateriali, acquisto scorte e pagamento fornitori, oltre ad operazioni alle imprese Start Up innovative e operazioni di Microcredito.

Con questa iniziativa, Confesercenti, ATS e PerMicro puntano a favorire la resilienza delle micro, piccole e medie imprese in una congiuntura critica a causa dell’impatto dell’emergenza sanitaria sull’economia, ma anche ad agevolare miglioramento della capacità produttiva, dell’efficienza e della competitività delle aziende e di migliorare la capacità di offerta e l’accesso al sistema bancario e finanziario da parte delle imprese.

Confesercenti e Ats Servizi. Fondata a Roma nel 1971, la Confesercenti è una delle principali associazioni imprenditoriali del Paese ed è membro fondatore di Rete Imprese Italia. Rappresentiamo più di 350mila PMI del commercio, del turismo, dei servizi, dell’artigianato e dell’industria, capaci di dare occupazione ad oltre 1.000.000 di persone, riunite in oltre 70 federazioni di categoria. Con oltre 5mila addetti, 120 sedi provinciali, 20 regionali e oltre 1000 territoriali, siamo un punto di riferimento per le imprese su tutto il territorio nazionale. Ats Servizi è la società Confesercenti Nazionale per le facilitazioni di accesso al credito, con una rete nazionale di oltre 200 collaboratori.

PerMicro è nata nel 2007 a Torino. Dalla sua nascita ha erogato 27.048 crediti per un valore di oltre 198 milioni di euro, contribuendo a sostenere numerose famiglie in difficoltà temporanea e favorendo la nascita e lo sviluppo di attività imprenditoriali in diversi settori, dal piccolo commercio alla ristorazione, l’artigianato, servizi alla persona e molti altri.

Attiviamo Energie Positive: appuntamento con PerMicro

PerMicro è tra i relatori di “Attiviamo Energie Positive”
15 aprile h 15-16

Perché “Attiviamo Energie Positive”

Si tratta di un progetto a cura di Produzioni dal Basso, con il supporto di Banca Etica, Assimoco ed Etica SGR.

Il progetto seleziona alcuni tra i migliori professionisti del mondo del digitale, della consulenza, del fundraising, dell’innovazione sociale per offrire a tutti un ciclo di webinar completamente gratuiti. Vogliamo creare un’opportunità di crescita e di condivisione, per non arrendersi al clima di emergenza, per generare un’occasione di confronto, conoscere nuovi strumenti, progettare nuove strategie.

A chi è dedicato

Questo ciclo di webinar è aperto a tutti senza nessuna distinzione, ma il focus degli argomenti è particolarmente indicato per soggetti del terzo settore e del non profit, mondo del volontariato, freelance, lavoratori cognitivi, associazioni culturali, artisti, organizzatori di eventi, formatori, imprese sociali e cooperative. Se anche tu ogni giorno operi sul territorio per generare un impatto etico e positivo, sei nel posto giusto!

Come funziona

Partecipare ai momenti formativi è facile e gratuito e non richiede nessuna pre-registrazione. Potrai interagire con i docenti utilizzando il form per le domande (Q&A). Se perdi una lezione non preoccuparti, i file saranno disponibili sul podcast.

Vuoi partecipare? Scarica gratuitamente ZOOM (sostituisce GoToMeeting) e collegati QUI nel giorno e all’ora indicata nel calendario (vedrai in corrispondenza di ogni relatore il pulsante “Partecipa”).
Se accedi da APP, l’ID della riunione è: 398-603-482.
Se accedi da desktop seleziona di partecipare come “Attendee” (partecipante).